Tag Archives: Storia
Immagine

black memory of human behaviour

26 Gen

WP_000383

Un Homme de Têtes (1898)

6 Gen

diretto, interpretato e prodotto da George Méliès

georges melies

30 years ago

6 Dic

Pink Floyd – the great gig in the sky

marty-feldman-comedian

Led Zeppelin – stairway to heaven

David Bowie – heroes

 

I won’t eat anything that has intelligent

life, but I’d gladly eat a network

executive or a politician.

(Marty Feldman)

Primo Levi

15 Set

Philip Roth and Primo Levi

http://en.wikipedia.org/wiki/Primo_Levi

Clint Eastwood

21 Ago

“The less secure a man is, the more likely he is to have extreme prejudice.”*

Clint Eastwood

*L’uomo meno sicuro è più probabilmente colui che ha un pregiudizio estremo.

Mahalia Jackson – We Shall Overcome

Andrej Tarkovskji

18 Ago

Wake Up!

5 Ago

L’anno scorso, all’inizio dell’estate, ho inserito su questo blog un personale articolo sul massacro dei Globicefali nelle isole Faer Oer, meglio conosciuto come Grindadràp. Da allora, decisi di inserire ogni anno, proprio in concomitanza della tradizionale festa di sangue, immagini esaurienti di quell’evento che inizia per l’appunto con l’arrivo dell’estate. Non sono vegetariano, non sono un estremista e speravo (e mi aspettavo) di ricevere pareri diversi, discordanti, insomma speravo di suscitare un colloquio costruttivo, ma mai mi sarei aspettato di essere insultato.

Questo è il commento che ho ricevuto:

Oltre all’accusa di ignoranza, il signor Sven (ma potrebbe chiamarsi Carmelo) ha pensato bene di offendere il mio patronimico. Inoltre, sempre Sven o Carmelo, è l’autore di una pagina facebook dal titolo (Non solo)Italiani innamorati delle isole Faer Oer:

A questo punto mi sento in dovere di sfatare la qualifica di ignorante, ma giusto per dare un merito alla mia Laurea in Scienze Naturali. Innanzitutto, tengo a precisare questo:

Esiste, a mio giudizio, una sostanziale differenza tra cacciare/pescare per la sussistenza di una popolo e perpetuare con illogica motivazione un massacro sanguinario.

Infatti, gli abitanti delle Isole Far Oer sopravvivono per il 60% dall’allevamento di ovini e il resto dalla pesca (cioè specie ittiche, non mammiferi), bovini da latte e la coltivazione delle patate. I piatti tradizionali a base di carne di Globicefalo rappresentano un alimento sfizioso offerto anche ai turisti. Ma non è più l’alimento principale da decenni, la popolazione è cresciuta, e dato che i suddetti cetacei vengono raccolti una volta all’anno, d’estate, nel resto dell’anno, i faroesi si nutrono d’aria e amore? Non credo che i faroesi possano attendere troppo o l’isola si spopolerebbe e mangiare sempre surgelato o un solo alimento causerebbe seri problemi di salute.

Il caro italiano che si fa chiamare Sven (ma forse è sempre Carmelo) afferma che gli abitanti (in realtà una parte della popolazione e non tutti) cacciano per nutrirsi (?). In realtà, si tratta di una vera trappola per animali notoriamente e scientificamente indifesi e dall’indole docile. Vengono spinti all’interno di una baia  a ridosso della riva e poi massacrati. Considerata una festa popolare dagli abitanti, compresi i bambini. Non mi sembra che i faroesi siano come gli eschimesi che vanno in giro armati di fiocina cacciando foche e narvali o pigmei o indios con frecce avvelenate a caccia di scimmie. Quelli si, che possono e debbono farlo: e mai ridurranno la popolazione di una specie all’estinzione perché prendono dalla natura ciò che basta per vivere, non uccidono per divertirsi.

Sven, cioè Carmelo, afferma che i pilot whale non sono in via di estinzione. Allora, per quale motivo lo IUCN (International Union for Conservation of Nature) inserisce questa specie nella lista rossa? Perché sono vulnerabili, a rischio estinzione per i seguenti motivi:

1. non c’è alcuna certezza di sapere a quanto ammonta il numero della popolazione dei Globicefali, per evidenti difficoltà di monitoraggio

2. esistono più specie di Globicefali, quindi è errato parlare di una sola specie: Globicephala melas (long-pinned pilot whale) o globicefalo comune + tre sottospecie  G. m. melas nel Nord Atlantico, G. m. edwardii nell’emisfero sud, e una specie senza nome nelle acque territoriali giapponesi ESTINTA tra l’ottavo e il dodicesimo secolo A.D..

3. vengono cacciati troppi individui (anche in Giappone, dove la situazione è ancora più critica) rispetto alla crescita delle popolazioni delle specie di cui sopra. Infatti, le femmine di Globicefalo raggiungono la maturità sessuale attorno ai 7 anni e il periodo di gestazione è di 15 mesi, troppo lungo.

4. l’alimento principale dei pilot whale è il calamaro, una specie in netto calo demografico a causa della pesca massiccia da parte dell’uomo.

Ricapitolando, se lo IUCN afferma che non ci sono sufficienti informazioni per stabilire che questa specie e affini siano in via di estinzione, è comunque una specie a rischio per i motivi che vi ho elencati.

Sea Shepherd Conservation Society da anni si batte per far cessare questa irresponsabile barbarie.

Un articolo interessante, in lingua inglese, mi è stato segnalato da un’amica Sloppy Buddhist e potete leggerlo qui.

Concludendo, mi rivolgo a te, caro italiano innamorato delle isole Faer Oer, per gli amici Carmelo:

spero tanto che leggerai questo articolo e mi auguro che noterai che non ho mai offeso il tuo nome, qualunque esso sia, che non ti ho dato dell’ignorante. Probabilmente sei poco informato sui fatti e troppo “innamorato” per aprire gli occhi. Non accetterò altri insulti, su questo sarò irremovibile. I faroesi sono gente straordinaria e la loro terra è splendida.

Ma prima di innamorarti di un luogo incontaminato assicurati che non sia sporco di sangue.

spiaggiamento di globicefali in Nuova Zelanda avvenuto nel 2006: la disperazione di un volontaria nel tentativo di salvare un individuo

***

Fontihttp://www.elicriso.it/it/stragi_compiute_uomo/strage_delfini_danimarca/

http://www.elicriso.it/it/stragi_compiute_uomo/taiji_delfini/

http://www.iucnredlist.org/details/9250/0

http://www.seashepherd.it/

http://www.seashepherd.org/

http://www.irishtimes.com/newspaper/world/2012/0706/1224319511211.html

NINO FERRER

16 Lug

Nino Ferrer era un’artista completo, tormentato e indomabile. All’anagrafe Agostino Arturo Maria Ferrari, nasce a Genova il 13 Agosto del 1934 da padre italiano e madre francese entrambi ingegneri. Trascorre l’infanzia nella Nuova Caledonia (territorio francese al largo dell’Australia). Negli anni successivi tornerà  a Genova fino alla fine della guerra. Nel 1947 rientra a Parigi con i genitori. Compirà gli studi alla Sorbona laureandosi in lettere e filosofia specializzandosi in etnologia. Si scopre sin da subito un eccellente disegnatore e pittore in stile Dalì ma è la musica che lo renderà inaspettatamente famoso. Negli anni  ’50 come musicista jazz (suonava il contrabasso) lo vediamo al fianco di Richard Bennett e Bill Coleman. Successivamente si cimenterà come cantante con una voce roca e calda alla maniera dei grandi cantanti neri americani che lo renderà famoso in tutto il mondo, in particolare Francia e Italia.

Alcune sue canzoni sono rimaste nella storia, soprattutto per i temi trattati attraverso un soul personalizzato. La pelle nera, infatti, è un testo polemico contro il razzismo (dimmi tu signor Faust… dimmi come si può arrostire un negretto ogni tanto con la massima serenità), che fece scalpore ma anche un grande successo. Testi come il Re d’Inghilterra (contro la guerra) o come Il baccalà (che demoliva la vita in città stressante e nevrotica), Agata (riferita alla attrice e modella Isabelle Valvert), Viva La campagna (resa celebre nel programma televisivo Io, Agata e Tu con Raffaella Carrà), saranno i suoi cavalli di battaglia. Da ricordare Donna Rosa scritta dal presentatore Pippo Baudo, Il telefono, la splendida Mirza e Il Sud (geniale testo ecologista senza scadere nel banale).

Il successo, però, non durerà più di un decennio, in Italia. Riparerà in Francia dove produrrà una ventina di album che renderanno il cantante italo-francese un idolo. Il sipario calerà anche a Parigi che lascerà per passare il resto della sua vita a Montucq, in campagna, come ha sempre desiderato, lontano dai riflettori e dalla mondanità.

Di lui s’innamorerà Brigitte Bardot, una lovestory che ha pesantemente demoralizzato Nino Ferrer massacrato dall’invadenza dei paparazzi. Ferrer tornerà dalla sua fidanzata Jacqueline Monestier, detta Kinou, che sposerà e a cui darà due figli maschi: Pierre ed Arthur.

Verrà nominato Cavaliere delle Arti e delle Lettere dal governo francese nel 1986 e ottenne la cittadinanza tre anni dopo. La sua ultima apparizione in televisione lo vede in Italia, negli anni ’90, in una trasmissione di Red Ronnie.

E’ stato autore di canzoni per artisti francesi e italiani e fu anche un bravo attore cinematografico: ricordiamo L’età selvaggia di Marcel Camus nel 1970 e nel 1982 Liten di Jean-Pierre Mocky.

Nino Ferrer, schivo e riservato, geniale e divertente, si sentiva oppresso dal successo ripetendo spesso: “La musica mi stressa: c’e’ sempre un contatore che gira, un contatore da un milione di dollari“. Non accettava i compromessi e questo lo rendeva irascibile: “Io sono come sono, non piego la schiena“. E non ha mai dimenticato il suo paese d’origine: “Mi sento italiano al 99 per cento. Anzi, sono un italiano tipico: un emigrante“.

Scegliendo il ritiro nella tenuta francese di Quercy Blanc, dedicandosi ai suoi dipinti, verrà dimenticato dai suoi fan italiani e francesi. Dopo la morte di sua madre che viveva con lui e la moglie, cadrà in una profonda depressione che lo porterà al suicidio sparandosi al cuore con un fucile da caccia, in piena campagna, a soli 64 anni il 13 Agosto del 1998: il giorno del suo compleanno.

Le stagioni di Pripjat’

24 Giu

Ho sentito parlare di un film horror sulla tragedia di Chernobyl. Una stronzata di cattivo gusto che le vittime di quell’episodio storico gravissimo non meritano affatto. Ricordo i bambini ucraini venuti in Puglia, nelle località di mare, come quella in cui ho vissuto per 18 anni. E ricordo una bambina bellissima che si chiamava Vitalina Pallamar portata in famiglia per salvarla dalle radiazioni. Il fratello minore morì di leucemia. La città di Pripjat’ fu totalmente evacuata, è stata la città più colpita dalle radiazioni. Una città fantasma. Non ho più saputo nulla di Vita.

Francis Bacon

23 Giu

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: