Tag Archives: Marina Cvetaeva

La Signora delle Ombre

15 Giu

Ci sono al mondo i superflui, gli aggiunti

non registrati nell’ambito visuale.

(Che non figurano nei vostri manuali,

per cui una fossa da scarico è la casa.)

 

Ci sono al mondo i vuoti, i presi a spintoni,

quelli che restano muti: letame,

chiodo per il vostro orlo di seta!

Ne ha ribrezzo il fango sotto le ruote!

 

Ci sono al mondo gli apparenti – invisibili,

(il segno: macula da lebbrosario!)

ci sono al mondo i Giobbe, che Giobbe

invidierebbero se non fosse che:

 

noi siamo i poeti – e rimiamo con i paria,

ma, straripando dalle rive,

noi contestiamo Dio alle Dee

e la vergine agli Dei!

[Marina Ivanovna Cvetaeva (pronuncia Svetàieva)]

(trad. di P. A. Zveteremich)

Annunci

Una voce dimenticata

11 Set

Marina Cvetaeva (pronuncia Svetàieva, 1892-1941): poetessa e scrittrice russa.

Versi del 12 luglio 1914

Non penso, non mi lagno, non discuto –

non dormo.

Non voglio né sole, né luna, non saluto

il giorno.

Non sento l’afa tra le quattro mura –

il vento.

Il dono atteso tanto tempo

lo rifiuto.

Non mi rallegra il mattino, né la fuga

sonora dei tranvai.

Vivo cieca al giorno, ignoro l’ora

e il secolo.

Funambola su una corda incrinata.

Ombra dell’ombra

di qualcuno. Sonnambula

di due scure lune.

(Il paese dell’anima – Lettere 1909-1925 – ed. Adelphi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: