Incarnate devil – Dylan Thomas

16 Ott
Il diavolo incarnato in un serpente parlante,
Le pianure dell’Asia centrale il suo giardino,
 Nel tempo in formazione il cerchio punse e svegliò,
In forme di peccato inforcò e trasse la mela barbuta;
E là Iddio passeggiava, sviolinante guardiano,
 E suonava perdono dalla celeste collina.
Quando eravamo estranei alla guida dei mari,
 La luna manufatta semi-sacra in una nuvola,
I saggi raccontano che gli dèi del giardino
Bene e male intrecciarono a un albero orientale;
E quando la luna come vento mutevole sorgeva
Era nera come la bestia, e pallida più della croce.
Nel nostro Eden conoscemmo il guardiano segreto
In acque consacrate che nessun gelo potrebbe indurire,
E nei possenti mattini della terra;
L’inferno in un corno di zolfo e in un mito bisulco,
E tutto il paradiso in una mezzanotte del sole,
Un serpente sviolinava nel tempo in formazione.

***

 Incarnate devil 

Incarnate devil in a talking snake,
The central plains of Asia in his garden,
In shaping-time the circle stung awake,
In shapes of sin forked out the bearded apple,
And God walked there who was a fiddling warden
And played down pardon from the heavens’ hill.

When we were strangers to the guided seas,
A handmade moon half holy in a cloud,
The wisemen tell me that the garden gods
Twined good and evil on an eastern tree;
And when the moon rose windily it was
Black as the beast and paler than the cross.

We in our Eden knew the secret guardian
In sacred waters that no frost could harden,
And in the mighty mornings of the earth;
Hell in a horn of sulphur and the cloven myth,
All heaven in the midnight of the sun,
A serpent fiddled in the shaping-time.

Piet Mondrian – L’arbre gris

***

Rolling Stones – Sympathy for the Devil

Annunci

Ghost Town

1 Ott

***

Radiohead – Lotus Flower

***

photos by Antonio Occulto

TOM WAITS

26 Set

1.

Lowdown

 

2.

the piano has been drinking

3.

I don’t wanna grow up

4.

Ol’ ’55

L’Homme et la mer

24 Set

Sempre il mare, uomo libero, amerai!
Perché il mare è il tuo specchio; tu contempli
nell’infinito svolgersi dell’onda
l’anima tua, e un abisso è il tuo spirito
non meno amaro. Godi nel tuffarti
in seno alla tua immagine; l’abbracci
con gli occhi e con le braccia, e a volte il cuore
si distrae dal suo suono al suon di questo
selvaggio ed indomabile lamento.
Discreti e tenebrosi ambedue siete:
uomo, nessuno ha mai sondato il fondo
dei tuoi abissi; nessuno ha conosciuto,
mare, le tue più intime ricchezze,
tanto gelosi siete d’ogni vostro
segreto. Ma da secoli infiniti
senza rimorso né pietà lottate
fra voi, talmente grande è il vostro amore
per la strage e la morte, o lottatori
eterni, o implacabili fratelli!

Charles  Baudelaire 1821-1867

***

Homme libre, toujours tu chériras la mer!
La mer est ton miroir; tu contemples ton âme
Dans le déroulement infini de sa lame,
Et ton esprit n’est pas un gouffre moins amer.

Tu te plais à plonger au sein de ton image;
Tu l’embrasses des yeux et des bras, et ton coeur
Se distrait quelquefois de sa propre rumeur
Au bruit de cette plainte indomptable et sauvage.

Vous êtes tous les deux ténébreux et discrets:
Homme, nul n’a sondé le fond de tes abîmes;
Ô mer, nul ne connaît tes richesses intimes,
Tant vous êtes jaloux de garder vos secrets!

Et cependant voilà des siècles innombrables
Que vous vous combattez sans pitié ni remords,
Tellement vous aimez le carnage et la mort,
Ô lutteurs éternels, ô frères implacables!

***

(Translator: Cyril Scott)

Free man! the sea is to thee ever dear!
The sea is thy mirror, thou regardest thy soul
In its mighteous waves that unendingly roll,
And thy spirit is yet not a chasm less drear.

Thou delight’st to plunge deep in thine image down;
Thou tak’st it with eyes and with arms in embrace,
And at times thine own inward voice would’st efface
With the sound of its savage ungovernable moan.

You are both of you, sombre, secretive and deep:
Oh mortal, thy depths are foraye unexplored,
Oh sea–no one knoweth thy dazzling hoard,
You both are so jealous your secrets to keep!

And endless ages have wandered by,
Yet still without pity or mercy you fight,
So mighty in plunder and death your delight:
Oh wrestlers! so constant in enmity!

***

***

The Police – King of pain

Alex Kanevsky

22 Set

J.F.H. Knee-deep in Water
36″ x 36″ (91.44 x 91.44 cm), oil on board (olio su tavola)- 2010

***

Alex Kanevsky

Born in Rostvo-na Donu (Russia) 1963, lives and works in Philadelphia

Primo Levi

15 Set

Philip Roth and Primo Levi

http://en.wikipedia.org/wiki/Primo_Levi

Mauvaise Pensée

12 Set

L’uomo è un mostro. Tutto il suo ingegno si prodiga nel difendere ed esagerare la propria mostruosità. In virtù del suo potere di distruzione, è il re della creazione. L’uomo può creare solo a spese della creazione.

***

Translate by Antonio Occulto

Man is a monster. All his talent strives to defend and exaggerate his own monstrosity. By virtue of his power of destruction, he is the king of creation. Man can create only at expense of creation.

Paul Valéry

***

photo by Robert and Shana ParkeHarrison

Karen McRae: Light is Magical

6 Set

Take a look:

 Karen McRae (wordpress’ website)

and

http://karenmcrae.photoshelter.com/

***

Alanis Morissette – Thank U

Black Clouds

4 Set

[…] E’ come se ci avessero ricacciato indietro nel tempo, – disse. – Siamo nell’Età della pietra: conosciamo tutte le cose che sono state prodotte da secoli di progresso, ma che cosa sappiamo fare per rendere più agevole la vita di questa Età? Sappiamo forse fare un frigorifero? Sappiamo anche solo spiegare come funziona? Che cos’è l’elettricità? Che cos’è la luce? Sono cose che sperimentiamo ogni giorno della nostra vita, ma a che cosa serve tutto ciò se ci troviamo ricacciati indietro nel tempo e non siamo nemmeno in grado di spiegare alla gente i principi di base, per non parlare di fare effettivamente qualcosa che possa migliorare la situazione. Indicami una sola cosa che saresti capace di fare. Saresti capace di costruire un semplice fiammifero di legno, che produca fiamma strofinandolo su una roccia? Noi siamo convinti di essere tanto grandi e moderni. Atterraggi sulla luna, cuori artificiali. Ma se fossimo coinvolti in un ribaltamento temporale e ci trovassimo faccia a faccia con gli antichi greci? Sono stati loro a inventare la trigonometria. Facevano già autopsie e dissezioni. Tu che cosa potresti dire a uno di loro, senza che lui rispondesse : “Bella roba”. Potresti parlargli dell’atomo? E’ una parola greca. I greci sapevano già che gli eventi fondamentali del mondo non possono essere visti dall’occhio umano. Sono onde, raggi, particelle. […]

Don DeLillo  Rumore Bianco

***

“It’s like we’ve been flung back in time,” he said. “Here we are in the Stone Age, knowing all these great things after centuries of progress but what can we do to make life easier for the Stone Agers? Can we make a refrigerator? Can we even explain how it works? What is electricity? What is light? We experience these things every day of our lives but what good does it do if we find ourselves hurled back in time and we can’t even tell people the basic principles much less actually make something that would improve conditions. Name one thing you could make. Could you make a simple wooden match that you could strike on a rock to make a flame? We think we’re so great and modern. Moon landings, artificial hearts. But what if you were hurled into a time warp and came face to face with the ancient Greeks. The Greeks invented trigonometry. They did autopsies and dissections. What could you tell an ancient Greek that he couldn’t say, ‘Big deal.’ Could you tell him about the atom? Atom is a Greek word. The Greeks knew that the major events in the universe can’t be seen by the eye of man. It’s waves, it’s rays, it’s particles.”

Don DeLillo  White Noise

Pink Floyd – Comfortably Numb

Men who hate Women

7 Ago

La bellezza è dignità.

(antonio occulto)

Stop all kinds of violence against women.

(Neela)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: