Grindadráp: la mattanza dei globicefali

25 Ago

Faroe Islands. All’inizio dell’estate. Come ogni estate. Ecco la tradizionale festa dei faroesi. Grindadráp: la mattanza dei cetacei. Il mare diventa totalmente rosso. Ma è sangue. Il sangue di numerosi delfinidi. Un migliaio. Vengono spinti con le imbarcazioni dentro le baie e la gente, bambini compresi, si lanciano a squartare questi animali indifesi. I giornalisti sono esclusi dal gioco. Ovviamente. La popolazione locale (ma non tutti sono d’accordo, alcuni si battono per l’abolizione) fa di tutto per tenere alla larga telecamere e macchine fotografiche.

La caccia non è affatto una pratica commerciale. Da molto tempo non si mangia più la carne dei globicefali, la specie che viene maggiormente trucidata. Bisogna aggiungere che le specie uccise per puro divertimento sono in via di estinzione. Il Grindadráp non è mai stato approvato dall’International Whaling Commission (la commissione internazionale delle balene), che però sta valutando l’opportunità di riaprire la caccia per finalità scientifiche: a cosa serve questa commissione da quattro soldi? La stessa commissione che ha permesso al Giappone, con la stessa motivazione tranello, di uccidere balene (per la produzione di piatti prelibati a ricchi industriali e innominabili dell’Alta Finanza).

I faroesi che partecipano a questa disgustosa attività dichiarano che i metodi usati per uccidere i cetacei non sono dolorosi. Quindi se io ti sparo in testa sono giustificato a farlo perché non senti nulla. Anche se poi non respiri più. Inoltre sono convinti che il Grindadráp fa parte della loro cultura ed è sacrosanto difenderlo.

Come diceva mia madre, Non sarà il caso di cambiare le cattive abitudini?

Annunci

16 Risposte to “Grindadráp: la mattanza dei globicefali”

  1. cristiana barbisan gennaio 23, 2012 a 10:34 am #

    E’ una vergogna e la civile (?) Danimarca dovrebbe darsi da fare per impedire una volta per tutte, con multe o altri provvedimenti, questo disonore !!!!!!!!!

    • occultoantonio gennaio 23, 2012 a 11:46 am #

      Non lo farà mai. L’unica via d’uscita sarebbe una task force navale dell’ONU a protezione dei cetacei proprio in quel periodo. Ma tant’è.
      Grazie per il tuo commento, Cristiana.

  2. Elena Caravela giugno 6, 2012 a 3:40 pm #

    Oh, a nightmare.

  3. occultoantonio giugno 20, 2012 a 4:07 pm #

    Reblogged this on occultoantonio.

  4. Kobayashi giugno 20, 2012 a 8:06 pm #

    Complimenti, così si fa il giornalismo, ignoravo totalmente questa cosa…terribile.

  5. olletron giugno 30, 2012 a 10:46 pm #

    This makes me feel sick. Those poor whales.

  6. Jessica Ce8 agosto 5, 2012 a 6:47 am #

    Per quanto io mi sforzi di capire quali possano essere le motivazioni per le quali in numerose occasioni l’uomo letteralmente violenta gli essere umani, davvero non ci riesco. Ma come si fa a provare piacere nell’uccidere un essere vivente indifeso???? Non possono che essere persone frustrate, malate ed estremamente incapaci di vivere. E’ gente morta che si “consola” producendo la morte altrui. Abituare dei bambini poi a questo “stile di vita”….non ho parole. Cazzo.

    Ad ogni modo non serve nemmeno andare tanto lontano, io vivo in Spagna, e al tg, praticamente ogni mese, mi propongono orribili scene provenienti da “feste paesane” in cui ne combinano di tutti i colori a ‘sti poveri animali….non parlo delle corride, ma di feste meno note ed altrettanto cruente:

    http://www.mclink.it/assoc/lida/corrida.htm#quattro

    Dico solo che serve davvero tanta fantasia=malattia mentale per inventarsi delle minchiate del genere.

  7. Gapemotivo agosto 5, 2012 a 12:44 pm #

    ho trovato questo articolo di grande sensibilità, grazie.

  8. weight Gain supplements For women dicembre 20, 2012 a 5:07 pm #

    Greetings! Very useful advice within this article!
    It’s the little changes which will make the greatest changes. Many thanks for sharing!

  9. Order Androsolve aprile 16, 2013 a 12:13 am #

    I think the admin of this web page is really working hard in support of his
    web page, since here every data is quality based data.

Trackbacks/Pingbacks

  1. FANCULO « occultoantonio - giugno 20, 2012

    […] READ MY POST HERE […]

  2. Wake Up! « antonio occulto - agosto 5, 2012

    […] dell’estate, ho inserito su questo blog un personale articolo sul massacro dei Globicefali nelle isole Faer Oer, meglio conosciuto come Grindadràp. Da allora, decisi di inserire ogni anno, […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: